In Italia

Osce richiama l’Italia: “no carcere per diffamazione, depenalizzate”

Con una lettera al ministro degli esteri Bonino sul recente caso dei giornalisti di “Panorama” ha ricordato cosa prevede la giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo

Dopo la condanna a pene detentive variabili fra otto mesi e un anno di reclusione (alcune senza sospensione condizionale della pena) di tre giornalisti del settimanale “Panorama”, la rappresentante per la libertà dei media dell’Osce Dunja Mijatovic ha  espresso la sua “preoccupazione” al ministro degli esteri Emma Bonino, ricordando il caso Sallusti e il fatto che la Corte  europea dei diritti dell’uomo ha stabilito ripetutamente che “la reclusione per il reato di diffamazione è sproporzionata e dannoso per una società democratica”. Ha pertanto invitato l’Italia a riformare la legge, e a  depenalizzare il reato di diffamazione. La posizione di Dunja Mijatovic è stata resa nota a Vienna con una dichiarazione pubblicata sul sito dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, il cui testo riproduciamo qui di seguito. Il testo originale del comunicato stampa si può leggere qui.

VIENNA – La rappresentante dell’Osce per la libertà dei media, Dunja Mijatovic, ha espresso preoccupazione per le pene detentive inflitte in Italia per diffamazione a tre giornalisti.

“In una moderna democrazia nessuno dovrebbe essere imprigionato per quello che scrive”, ha detto Mijatovic. “I tribunali civili sono del tutto in grado di rendere giustizia alle rimostranze di coloro i quali si ritengano danneggiati nella propria reputazione”.

I giornalisti Andrea Marcenaro, Giorgio Mulé e Riccardo Arena sono stati condannati al carcere dal Tribunale di Milano con l’accusa di diffamazione, dopo aver pubblicato un articolo, sul settimanale italiano ‘Panorama’ nel 2010, sul magistrato di Palermo Francesco Messineo.

Il reato di diffamazione, in passato considerato dormiente in Italia, ha visto un aumento di denunce negli ultimi anni. Nel settembre 2012, la Corte di Cassazione, il più alto grado di giudizio in Italia, ha confermato la condanna penale del giugno 2011 di Allessandro Sallusti, direttore del quotidiano ‘Libero’. Il caso è stato sollevato da Mijatović e il verdetto è stato poi ribaltato dal Presidente Giorgio Napolitano.

“La Corte europea dei diritti dell’uomo ha una giurisprudenza sostanziale la quale conferma che la reclusione per il reato di diffamazione è sproporzionata e dannoso per una società democratica. La reclusione per diffamazione ha un grave effetto raggelante che mina l’efficacia dei mezzi di comunicazione”, ha detto Mijatović, ribadendo il suo messaggio, consegnato in una lettera al Ministro degli Affari Esteri italiano, Emma Bonino.

“Continuerò a lavorare a stretto contatto con le autorità italiane per promuovere la depenalizzazione della diffamazione. Dovrebbe essere fatto presto per evitare ulteriori accuse di diffamazione e per stimolare l’attività giornalistica investigativa”, ha sottolineato.

Mijatović ha inoltre esortato tutti gli altri Stati membri dell’Osce con leggi penali sulla diffamazione ad abrogarle.

Traduzione di Lorenzo Di Pietro

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *